giovedì 31 gennaio 2019

Obiettivo ottimismo.

Come sapete, il mio percorso di miglioramento caratteriale è sempre in corso. Oltre all'obiettivo di schiudermi, ho recentemente aggiunto quello dell'ottimismo. Anzi, non ambisco a tanto dopo una intera vita di pessimismo cronico.
Mi basta abbassare il livello di aspettative, previsioni e asserzioni negative.



Quindi, in questa rinnovata corrente, ho sviluppato questo piccolo esercizio per i pensieri positivi, cioè un breve elenco:

  1. Ho la faccia da bluff.
  2. Ho un buon autocontrollo.
  3. Nel pericolo a volte riesco a limitare i danni.
La spiegazione per i punti 1 e 2 è che il mio fidanzato, da bravo giuda, ha voluto farmi una sorpresa. Semplicemente, dopo aver cenato a casa dei miei suoceri, il campanello ha suonato, la Suocera è andata ad aprire ed eccolo lì. L'infame è arrivato senza annunci, senza indizi, senza una precedente parola incriminante. Ed io, nonostante l'assoluta sensazione di smarrimento, esterrefatta ed incazzata per non aver avuto un avviso, sono stata in grado di non svenire. Ho sorriso sempre e non l'ho preso a scappellotti sulla nuca per l'inganno.
Mi ci è voluta almeno un'ora per realizzare che lui era davvero insieme a me e non dalla parte opposta dell'Italia, che sarebbe stato per tre giorni tutto per me, per lasciarmi andare alla felicità.

Il punto 3 si riferisce a ciò che mi è successo al ritorno da una uscita serale. Avevo delle chiavi nuove, perciò non potevo sapere che c'era stato un disguido e che non funzionavano. Come potevo immaginare? Ne ho provata una e non apriva, ho provato la seconda e non entrava, ho provato la terza e non andava; allora ho riprovato con la prima, poi con la terza, poi la seconda e così avanti per un quarto d'ora. Mi sono incazzata, non potevano vincere le chiavi, capite? Allora, mentre la parte razionale del mio cervello mi diceva di telefonare a casa e farmi aprire, una parte più istintiva e cocciuta mi spingeva a provare, provare, provare, e spingere la porta, tirarla, provare, inveire, spingere la chiave, forzarla a destra e sinistra... avanti così finché ho sentito da dietro la porta la voce assonnata di mia madre che chiedeva se ero io.
Insomma, mi ha fatta entrare mia madre alle quattro del mattino dopo avermi sentito inveire.
Appena sono entrata mi sono accorta, grazie all'impietosa luce bianca, che il mio pollice in quella lotta si era gonfiato ed era diventato bluastro. Il giorno dopo il pollice era il doppio del normale e ha subito variazioni di orribili colori tra nero, verde, blu e viola.
E quella dannata porta non si è neanche aperta.

Il lato positivo? Beh, nella foga di spingere e tirare quella chiave potevo inciampare sul tappetino, cadere, sbattere la testa a terra rompendomela e colorare l'atrio di rosso vivo e striature bianche.


Yuppy!!!

 

Mi avevan detto "Questo ghiaccio non lo scioglierai"
Le tue strade saran sempre più fredde
È un compromesso come il cash che non basta mai
Le tue tasche saran sempre più strette
Ma io mi sento come il sole che tra poco esploderà
e intanto brucia ancora
Mi avevan detto che sarebbe passata con l'età
e invece brucia ancora.

3 commenti:

  1. Ed eri andata da sola a cena dai suoceri ?

    RispondiElimina
  2. Bella la sorpresa, dai! :)
    Secondo me è stata una bella "trappola".
    Quanto alle chiavi, io chiamo quel che ti è successo "effetto Paperino", perché di fatto ti sei comportata come lui XD

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Finalmente rieccomi sui blog! Hai capito, dopo l'inizio dell'anno e il mio proposito di "da oggi scrivo di più!!" me ne sono successe di tutti i colori e non ho praticamente aperto il blog per un mese o giù di lì. Questo mi ha spinta a pensare che la prossima volta è meglio che non dico niente a nessuno, neanche a me stessa! XD

    Comunque! Dopo aver cercato di consolarti con la mia breve storia di vita dell'ultimo mese, che dire! Per la sorpresa sei stata bravissima, io penso che sarei tipo svenuta con le X sugli occhi tipo anime giapponese ahahaha Però penso che l'infarto contenuto sia valso la sorpresa, quindi son contenta per te! Invece la chiave..guarda, complimenti per la temerarietà e la resistenza! Penso che io avrei svegliato tutto il quartiere chiedendo di farmi entrare ahahaha La prossima volta, nel caso, prendila come opzione!

    Per il resto spero che vada tutto bene, e su questa cosa dell'ottimismo senti, prova a pensarla che tanto non ci perdi niente se provi per un po' a non vedere sempre il bicchiere mezzo vuoto. Personalmente ci ho provato e ho scoperto un mondo! (E il mio stomaco ringrazia, anche se ancora non ho imparato del tutto a tenerlo fuori dallo stress acuto!) Daje che ce la famo!!

    Un abbraccio cara!!

    RispondiElimina

Commenti liberi, purché ci si ricordi che siamo esseri umani e non bestie.
Chiedete e vi sarà dato. Forse.