giovedì 19 gennaio 2017

Ricominciamo.

Prima di fare un riepilogo del 2016 ho voluto aspettare almeno la seconda settimana di gennaio, poiché è stato un mese piuttosto impegnativo che ha compreso festeggiamenti per: un anno di relazione, natale, capodanno e compleanno. Tutto nell'arco di trenta giorni circa, un periodo fatto di ingozzamenti e di spaparanzamenti su divani che hanno portato a cambiare buco alla cintura. Ma, cosa buona e giusta, non rimpiango nulla, né il bis di risotto né le due fette di cassata siciliana, neanche tutto quello che c'è stato di altro sulla tavola. E al diavolo la palestra, preferisco essere "morbida" ma felicemente cioccolatosa.
Nota doverosa: probabilmente è l'alto tasso di colesterolo a parlare, quindi non so come la prenderò quando mi sarò effettivamente resa conto del cambiamento della mia mole.


Con me il 2016 è stato generoso: sono stata spesso molto felice e poche volte molto infelice. Il mio umore è sempre ciclico, ma i periodi buoni ora durano più dei periodi bui. Mi mancherà il 2016, era da tanto tempo che non stavo così bene.
Ho imparato a non combattere la malinconia quando mi viene senza preavviso, senza motivazione: li considero ancora inutili dimostrazioni della mia debolezza, ma ho accettato che tutti a volte sono deboli e che non c'è nulla di male. Avere il mio Quasi-Ingegnere a sostenermi mi ha molto aiutata.
Mi fa vedere le cose da una prospettiva diversa, il ché è bene.
Ho pure capito di essere dotata di una quantità di pazienza molto al di sopra di quanto credessi. La cosa bella è che lui non se ne approfitta mai, ad eccezione dei dieci giorni che precedono i suoi esami universitari. Ma poi si fa perdonare. Il ché è bene.
Ho imparato che dimostrare tenerezza e affetto non è una forma di debolezza e ho smesso di credere che la gente possa utilizzarla come un'arma contro di me. Di sicuro le persone che tengono a me non la useranno per deridermi o farmi del male. Ci ho solo messo un paio di decenni a capirlo. Ed esiste una foto, dove si vede benissimo che sono io quella che abbraccia un amico, quindi ho una prova.
Aprirmi mi riesce meno complicato, ma parlare qui, sulla bloggosfera, mi viene ancora più semplice che nella realtà... comunque ho fatto enormi passi in avanti dal 2011 ad ora anche grazie alla bloggosfera.
Ho scoperto che in casi rari si può avere un bravo fidanzato e anche dei bravi suoceri. La cosa più bizzarra è che sono io, proprio io, il fortunato essere umano ad avere un bravo fidanzato e dei suoceri adorabili. Sono creature dalla bellezza mitologica!
Perciò e percome, questo 2016 l'ho voluto bene, nonostante i brutti scherzi che mi ha giocato e di cui mi fa ancora male parlare. Ma Nonna sta bene, adesso, quindi continuo ad amare queste quattro cifre, sperando di ripetere il miracolo.


Anche per i libri ci sono stati degli alti e dei bassi.
Gli alti sono tutti i libri che mi sono stati regalati (ben quattro, di cui uno che cercavo da un paio di anni), grazie a quell'anima pia e di maniche larghe del mio Quasi-Ingegnere. I bassi sono che, rispetto al 2015, ho letto piuttosto poco. Ecco un riassunto comparativo:
  • Libri letti in totale: 10 + 1 non ancora finito. 16 in meno rispetto all'anno precedente.
  • 5300 pagine circa. 4400 in meno rispetto all'anno precedente.
  • 7 thriller/gialli, il migliore dei quali direi a parimerito Il suggeritore di Donato Carrisi e Follia profonda di Wulf Dorn.
  • 3 romanzi di varie tipologie, il migliore è il romance storico Shanna di Kathleen E. Woodiwiss.
  • 1 classico, che è stato Il conte di Montecristo di Alexandre Dumas.
  • 1 autore italiano.
  • 9 autori stranieri (di cui 3 americani, un francese, un inglese, uno scozzese, uno svizzero e due tedeschi).
  • 6 autori e 4 autrici.
  • solo 1 aveva meno di trent'anni alla pubblicazione del libro che ho letto.

Non male, ma neanche bene. Troppi libri in casa mia aspettano il loro turno per essere letti! Ma questi miei amici silenziosi aspetteranno con pazienza, cosa che non fanno i miei amici in carne ed ossa, o il Quasi-Ingegnere. Mi sa che le mie priorità sono cambiate, anche io sono cambiata, ma in fondo sono ancora Maya, sono io. E tornerò.

12 commenti:

  1. Ma che bel post pieno di ottimismo buoni propositi felicità amore ...
    Spesso non ci rendiamo conto che siamo noi ad indirizzare l'anno spesso è lui che ci regala brutti scherzi. .ma tu avrai un 2017 ancora più sfavillante perché lo meriti tutto e le tue letture aspetteranno pazienti che il loro tempo arrivi
    Ti voglio bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie bell'anima! Ti voglio bene anch'io Nella cara :)
      Anche tu meriti un anno sfavillante (o anche più!) Ti bacio

      Elimina
  2. La cassata non fa ingrassare. La cassata può solo insegnarti ad amare.


    Detto ciò sono felice per te e per il tuo 2016 trascorso abbastanza bene :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "La cassata può solo insegnarti ad amare" questa è una frase da scolpire nel bronzo!!

      Elimina
    2. Questa frase la terrò in conto per un eventuale tatuaggio. Tanti cuori!

      Elimina
  3. La parte sul non aver paura di dimostrare tenerezza, comprendendo che i nostri sentimenti non ci rendono deboli ma, anzi, danno forza a noi, a chi ne "beneficia" e alle nostre relazioni, che grazie ad essi sono necessariamente più autentiche... è, per me, una grandissima conquista e consapevolezza. E te lo dico perchè, sembrerà strano ma è stato davvero così, io pure ci sono arrivato con il tempo, prima mi preoccupavo di sciocchezze che non avevano senso, ora non lo faccio più e sto davvero bene, perchè sento di essere io al 100%.
    Perciò bene, per questa e anche per diverse altre cose che hai scritto, rendi speciale il tuo 2017 e portaci dentro tutte le cose che l'anno appena concluso ti ha insegnato, tenendo comunque sempre a mente che, alla fine, non è l'anno che conta ne le cose che ci capitano attorno... ma quello che facciamo noi, e che siamo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggendo i tuoi post, così teneri, onesti e aperti, non si direbbe davvero che eri una persona chiusa e poco incline ai dolci sentimenti. Concordo con te, è una conquista enorme che ci fa solo del bene, soprattutto se condivisa con persone che provano del vero affetto per noi. Siamo persone fortunate, credo.
      Per il 2017 ci attrezzeremo di altro ottimismo :)

      Elimina
  4. Ho letto questo post un po' in ritardo, ma sono tanto contenta per te. Continua così! Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, abbraccio anche a te Mira! Sono una ritardataria anche io xD

      Elimina
  5. Il "morbida e felice" era il mio mantra.
    Poi quando arriva marzo comincio a pentirmi di aver aperto bocca ed inizio a sentirmi un baule con le gambe.
    Accidenti! Voglio il metabolismo sfrecciante e la forza di volontà per una seria dieta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che vita sarebbe se fossimo perennemente a dieta? W i dolci e fanculo le critiche! (so comunque che me ne pentirò anche io quando dovrò indossare un costume da bagno).
      E mannaggia, lo voglio anche io il metabolismo veloce!

      Elimina

Commenti liberi, purché ci si ricordi che siamo esseri umani e non bestie.
Chiedete e vi sarà dato. Forse.