lunedì 11 marzo 2013

Wall of shame, il ritorno.

Io non volevo, giuro.
Giuro su una delle mie canzoni preferite che non volevo parlar male di questa persona un'altra volta. Ma non è colpa mia se ha idee un po' dimmer**, e non è colpa mia se ho questo strano senso di appartenenza a questo luogo. E' più forte di me, devo lamentarmi di un'altra "opera pubblica" cittadina.
Io capisco, capisco davvero, perché quella piazza storica del centro andasse ristrutturata: era piena di buche enormi, cosa che nemmeno il pieno di auto parcheggiate riusciva a mascherare. Cosa che, quando piove una quantità meno che discreta, se per sfiga ci metti dentro un piede è meglio che ti prepari a delle sedute spiritiche, perché sarà l'unica speranza di ricevere notizie della tua gamba. Dunque l'idea non era maligna, nonostante i debiti  del Comune, il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti latitante, le opere pubbliche ancora incomplete. Anche se mi viene ancora difficile chiamare quella struttura "monumento".
Mentre il Monumento a Garibaldi è stato lasciato incompleto per la TERZA volta (o forse quarta, non ne sono sicura), mentre il progetto del nuovo (e inutile) porto si è dileguato, il sindaco ha la brillante idea di indire un bando per la ristrutturazione della piazza. Cosa è andato storto? Sinceramente non lo so, e credo che nemmeno loro ne siano del tutto certi.
La questione è tutta strana: la piazza viene recintata e munita di cartelli di pericolo. Peccato che non ci fossero i cartelli con la documentazione e i permessi. Inoltre hanno iniziato i lavori prima di ottenere certi permessi dalle forze armate (non ricordo quale divisa, abbiate pietà ho la febbre).
In seguito alle lamentele dei cittadini, un paio di settimane -e di lavori- dopo appare il cartello che, secondo la legge, bisogna esporre durante i lavori, con le indicazioni circa il periodo previsto di lavoro, la casa appaltatrice, ect. E poi si scopre che il nome degli appaltatori che hanno vinto il concorso NON sono gli stessi che stanno lavorando. EH? Mi sono persa qualcosa, non c'è altra scelta.
Sabato ho letto il cartello e comunque mancano ancora dei dati, come ad esempio il "permesso a costruire".


Mettendo da parte la questione inerente alla legge, non si salva nemmeno l'aspetto estetico e logico.
Innanzitutto, le casse del Comune sono vuote e indebitate, c'era proprio bisogno di piantare alberi di banane (che non faranno mai banane) e un PRATO FINTO?
Esteticamente si promette uno schifo e lo sarebbe ancora di più in estate perché, nel caso il sindaco non lo sappia, con la temperatura che arriva a 40 C° e tutte le piante, la piazza sarà abitata da migliaia di specie diverse di insetti e aracnidi. Dubito che i turisti ne saranno molto contenti...
Tra l'altro, dubito fortemente che ci fossero mai stati alberi di banane in questa zona.
E così va in fumo un'altra mia speranza per la città.

 

Poco fa pensavo una cosa: non me la posso prendere solo con il sindaco. Povera stella, si vede che c'ha altro da fà, si vede che segue alla lettera i consigli di sua maestà capo del Pdl. Si vede che ci tiene a farsi intervistare e a mostrare la sua faccia in tv per poter annunciare al mondo: VEDETE? L'HO FATTO IO! IO, NON TU, GNE GNE GNE!
Io me la prendo con tutti quelli che le ruotano intorno. Non lo so, non ce li ha dei consulenti, dei consiglieri comunali che la vogliono aiutare? E perché non la fermate? Perché non la fate riflettere di più sulle cose che pretende di fare? Ditele: amore della nostra vita, gioia mia, non ti annoiare con codeste facezie, perché non ti vai a fare una gitarella?
Magari non con i soldi pubblici, per favore. Anche perché il sindaco è già accusato di peculato, per aver comprato gioielli con i soldi pubblici.

Con questa gioia nel cuore, buonanotte!

4 commenti:

  1. Perchè al Sud c'è qualcosa che funziona?
    Poveri noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici che sarebbe sperare troppo, eh? Infatti

      Elimina
  2. DIARIO DI UNA CHE E' STUFA DI ESSERE GRASSA http://iamsureiwillmakeitpromia.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://pusherdisogniandati.blogspot.it/2013/04/maya-vs-ossessione-del-peso.html

      Elimina

Commenti liberi, purché ci si ricordi che siamo esseri umani e non bestie.
Chiedete e vi sarà dato. Forse.